News da Roma

Municipio I°

Roma, per la giornata epilessia, la Barcaccia diventa 'viola'

È In occasione della Giornata Internazionale dell'Epilessia (11 febbraio) che la lega italiana contro l'epilessia (Lice) organizza a Roma importanti iniziative di informazione e sensibilizzazione su una delle patologie neurologiche più diffuse: oltre 500 mila, infatti, le persone colpite in italia e circa 44 mila i casi registrati nella sola regione del Lazio.

Sabato 9 febbraio alle ore 15.30 I volontari della Croce Rossa Italiana saranno impegnati in una dimostrazione pratica di primo soccorso in caso di crisi epilettica. L'iniziativa si svolgerà presso Santa Maria della Pietà, sala Basaglia, padiglione 26 (per iscrizioni fino ad esaurimento Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). L'11 febbraio, poi, alle 18.30 la Barcaccia cambierà colore: lo storico monumento di piazza di Spagna verrà illuminato di viola, simbolo dell'epilessia. L'iniziativa, organizzata da Lice, ha come obiettivo quello di accendere una "luce speciale" contro le false credenze e contro lo stigma.

L'11 febbraio, alle 19.30, presso il teatro Porta Portese andrà in scena Non ho l'età...Cchè. Gigi Miseferi sarà impegnato "tra racconti esilaranti e canzoni della nostra vita". Il ricavato sarà interamente devoluto alla ricerca per combattere questa impattante condizione neurologica (vendita biglietti a esaurimento presso Lice, via Nizza 45).

"L'epilessia è ancora una malattia stigmatizzante, attorno alla quale c'è pregiudizio ed ignoranza", afferma il professor Oriano Mecarelli, presidente della Lice- dipartimento di Neuroscienze umane della Sapienza. "Sono ancora molte le persone che ritengono erroneamente che l'epilessia sia una malattia rara oppure una malattia mentale. E ancora che non si possa guidare, che non si possa praticare sport e, nel caso della donna, che questa abbia difficoltà a concepire o che le venga vietato di allattare. Tutto ciò è dovuto alla scarsa conoscenza. Per questo Lice, insieme alle associazioni di pazienti, è da sempre impegnata ad aumentare l'awareness su questa patologia e a insegnare a non averne paura. Iniziative come quelle organizzate in occasione della Giornata internazionale dell'epilessia risultano, dunque, fondamentali per perseguire questo obiettivo".