News da Roma

cerca la ricetta

 

25.000 RICETTE gratis
Termini da ricercare:

Dove fare la ricerca:

 

Municipio II°

VILLAGGIO OLIMPICO - PARIOLI - FLAMINIO  - SALARIO  - TRIESTE -NOMENTANO - SAN LORENZO

ANIENE FESTIVAL 2° ed. dal 4 luglio al 5 agosto 2018 - Parco Nomentano

Torna per la seconda edizione Aniene Festival la festa che ha animato a settembre dello scorso anno le rive del fiume Aniene portando musica, ballo, arte e attività gratuite. Un appuntamento che raddoppia il periodo e i relativi momenti dedicati allo spettacolo dal vivo, con un programma ancora più ricco di eventi, incontri e attività, che durerà dal 4 luglio al 5 agosto.
La location è nel parco accanto a Ponte Nomentano, o Ponte Vecchio per chi è di zona, quartiere di Montesacro, III Municipio, zona nord est della Capitale. Qui, con l’Aniene che scorre sotto e gli alti pini ad ombreggiare il prato prenderà il via la seconda edizione del festival.
Le parole d’ordine per i 33 giorni di eventi in calendario? DIVERSITA’ determinata dalla varietà di proposte culturali dedicate a tutte le età, puntuali per la qualità della ricerca artistica e per la capacità di richiamare un pubblico curioso e attento, grazie alla migliore musica d’autore, al teatro d’improvvisazione, alle lezioni di ballo gratuite, alle esposizioni artistiche e ad uno spazio family friendly. LIBERTA’, l’area si trasforma in uno spazio polifunzionale che ognuno potrà vivere in base alle proprie esigenze, fin dal primo pomeriggio con gli spazi dedicati ai bambini e alle famiglie e ai Laboratori fotografici e di lettura nel parco. In orario aperitivo con le mostre e le lezioni di ballo gratuite, nel prime time con gli spettacoli live in cartellone, il tutto con una nuova modalità di fruizione del parco completamente gratuita, per ripristinarne la vocazione sociale ed accessibile. CONFORT e PATECIPAZIONE perché la particolarità dell’Aniene Festival è che non c’è nessun palco ma una pista performativa, che all’occorrenza sarà calcata dai sapienti piedi di ballerini e per il resto delle serate si trasforma in un ideale salotto dove, seduti su cuscini vicini agli artisti, si assisterà agli incontri in programma. Musica, teatro, arti visuali in genere, ricerche poetiche e narrative, esperienze acustiche e performative, in un’atmosfera intima e raccolta, con un minimo ricorso all’amplificazione per garantire il più basso impatto acustico, nel pieno rispetto dell’ambiente ospitante.
Spazio dunque alla Musica con i ‘Concerti in pista’, cantautorali e di contaminazione. L’apertura è di Davide Shorty & Straniero Band, l’ultima fatica discografica del cantautore / rapper e producer siciliano, accompagnato dal vivo dalla stessa band con cui ha registrato l’album, che unisce sonorità hip hop, jazz, soul e funk con la scuola cantautoriale italiana. Segue il 6 luglio MòN, una delle band più interessanti dell’attuale panorama musicale italiano, dal sound che mescola post-rock e ambient, elettrofolk e indiepop, in una tavolozza variopinta di suggestioni e armonie, frutto di una caleidoscopica ricerca che ne fa un progetto votato al panorama internazionale dell’alternative rock. Il 7 luglio, le note dei Pink Puffers Brass Band, una forza della natura composta di soli drum and brass, ossia percussioni e strumenti a fiato. Un esplosivo mix di funk, jazz e rhythm’n’blues suonato in modo potente con attitudine da marching band. L’ 11 luglio Iruna canta per esprimere la sua visione del mondo, mischiando melodie agrodolci e ritmi soul per snocciolare con ironia temi difficili come la l’accettazione di se stessi, la solitudine e l’amore. Il 17 luglio sarà la volta dei Technoir, il duo electro soul / nu jazz che mescola jazz, elettronica, soul, improvvisazione e una costante ricerca sonora. I Ponzio Pilates il 27 luglio, un’orchestra di pirati carichi di esplosivo, avventurieri dell’elettrosamba e maestri incontestati del ballo disarticolato. Il 4 agosto, gli Uanema Orchestra, otto musicisti per un viaggio tra vecchie ballads, canzoni antiche, languidi blues e balli scatenati.
Il festival è caratterizzato fortemente dalle atmosfere anni 30 e 40 delle migliori Balere Swing, come in un viaggio nel tempo, ricreate con esibizioni, social dance e lezioni di ballo gratuite – Clindy Hop, Shag, Charleston- aperte a tutti a cura delle migliori scuole di swing romane: Swing Dream factory, Swing Cats, Swing Circus, Swinghous, Feel that Swing, Swing School Days, Spirit’s of St. Louis Roma, Swing & Soda.
Novità di questa edizione è l’appuntamento fisso del giovedì “ Lo Swing Factor” una vera jam session aperta a incursioni di musicisti e ballerini maneggerà il repertorio di un grande del jazz. La jam sarà capitanata dal sassofonista Giorgio Cùscito, consacrato durante il Roma Jazz Festival ‘Ambasciatore dello swing a Roma’ che dedicherà ogni appuntamento ad uno dei migliori artisti jazz di sempre per delle serate speciali dove la musica vivrà in una location magica, a cielo aperto sotto le stelle. Imperdibile il 21 luglio, l’orchestra composta da 17 elementi diretta dal maestro Carlo Capobianchi, con un repertorio che fa riferimento alle grandi orchestre come quelle di Duke Ellington , Count Basie e Artie Shaw. Il 29 luglio Luca Filastro, pianista e compositore, e la sua Swing Band, riconoscibile dal suo incredibile senso dello swing, del blues e dell’improvvisazione, in cui Stride Piano, Swing, Bebop e Blues vengono fusi in una sua personale sintesi. Il martedi del Be Bop Jamaica, una festa contagiosa fra traditional jazz e amore puro per la musica jaimacana, un progetto nato per Aniene Festival in cui la resident band guidata dalla voce suadente di Tahnee Rodriguez gioca con i classici del reggae unendo arrangiamenti jazz e swing a ritmi jamaicani. Non può mancare l’allegria contagiosa della Samba ballata e suonata dal vivo, con Giro di pista, una pista da ballo a cielo aperto per viaggiare verso sud, dal Forrò che ci trasporta in Sud America, ma anche le danze popolari del centro-sud Italia con un carico di tarantelle, pizziche e ballabili tradizionali.
Spazio alla migliore comicità romana del 2018 con la Comedy Night, improvvisazione teatrale, sketch comedy, stand up comedy per serate di divertimento intelligente e controcorrente, con le gag di Ceccovecchi & Storti e dei Bugiardini.
Aniene Festival promuove il gioco intelligente in 3 giornate dedicate al Giochi da Tavolo, il 7, 14 e 28 luglio a cura del Gruppo Gdtt Roma Nord Legio Capitolina e Gruppo Ludico GOS.
Il villaggio sul fiume è family friendly grazie al contributo del Mom Festival che allestirà un angolo morbido, uno spazio dedicato alla prima e media infanzia. Presenti anche piccoli spazi dedicati all’artigianato, ed immancabile il buon cibo e i drink dell’ottimo ristorante Soul Kitchen che quest’anno allestirà anche un vero e proprio piccolo ristorante a cielo aperto con servizio al tavolo e piatti della tradizione pugliese.
Aniene Festival
dal 4 luglio al 5 agosto 2018

tutti i giorni dalle 17.00 alle 00.00
Via Parco Nomentano C/o Ponte vecchio
INGRESSO GRATUITO
Sito web www.anienefestival.it
Facebook: Anienefestival

IFest dal 26 al 30 giugno parco Nomentano il programma

Torna per la sua quinta edizione l'iFEST – Independent Festival Roma a Montesacro. Nella cornice di parco Ponte Nomentano, a due passi da piazza Sempione e Città Giardino, dal 26 al 30 giugno a essere protagonista assoluta è la musica. Ancora una volta all'appuntamento, organizzato da associazioni e realtà sociali del territorio, parteciperanno importanti artisti della scena musicale indipendente. Negli scorsi anni da qua sono passati Lo Stato Sociale, I Tre Allegri Ragazzi Morti, Giuda, Zerocalcare, 99 Posse, Il Muro del Canto e tanti altri artisti. Ogni giorno poi sarà possibile partecipare a incontri e dibattiti, cenare con pizza cotta a legno, cibo etnico, arrosticini e primi cucinati espressi o semplicemente sedersi e stare insieme nel parco. "L'iFESTè un evento 100% autofinanziato e 100% indipendente – spiegano gli organizzatori – nato e sostenuto dalla passione di volontari e attivisti del III Municipio di Roma, con la testardaggine di pensare che la cultura non è un lusso ma un diritto, e che una città senza teatro, musica, parole e colori a riempire piazze, strade e parchi è una città più povera e triste".
Ecco la time line dell’IFest
26 giugno
GNUT, Slam Poetry + Poesia&Rivoluzione
27 giugno
PAOLO FRESU in DEVIL Quartet LIVE
28 giugno
DUB FX at iFest 2018
29 giugno
LUCIO LEONI e ØKAPI live at iFest 2018
30 giugno
Rancore “Musica Per Bambini” | Murubutu

Estate Romana 2018 a Villa Ada

Non c’è due senza tre, non c’è rosa senza spine e non c’è un’estate a Roma senza la musica a Villa Ada. E per questo anche quest’anno torna Villa Ada – Roma incontra il Mondo, raggiungendo la sua venticinquesima edizione, intitolata per l’occasione “T’ho amato sempre non T’ho amato mai
Il più grande evento dell’estate romana, organizzato da Dada srl con ARCI Roma, compie 25 anni e ha in programma una stagione live ancora più ricca e variegata delle precedenti.
E lo dimostra fin dai primi nomi annunciati dell’edizione 2018: Noyz Narcos (15 giugno), Giancane (16 giugno), Guido Catalano + Dente (19 giugno), Joe Victor (22 giugno), Frah Quintale (23 giugno), Ascanio Celestini + Giovanna Marini (24 giugno), Ministri + Spiritual Front (29 giugno), Galeffi + Mox (3 luglio), Godspeed You! Black Emperor (4 luglio), Willie Peyote (5 luglio), Il Muro del Canto (7 luglio), Giovanni Lindo Ferretti (9 luglio), Reverend Horton Heat – Psychobilly Rome Holy Day Fest (11 luglio), Bud Spencer Blues Explosion (12 luglio), Chinese Man (14 luglio), Calibro 35 (15 Luglio), Little Steven and The Disciples of Soul (17 luglio), Dobet Gnahorè (18 luglio), Gogol Bordello (19 luglio) , New York Ska Jazz Ensemble + Shots in the Dark (22 luglio), Kruder & Dorfmeister (23 Luglio), Nitro (25 luglio), Tedua (28 luglio), Ministry (1 agosto), IOSONOUNCANE + Paolo Angeli (3 Agosto).
Villa Ada è certamente musica, ma è anche una storia, quella delle calde estati romane e di chi le abita. Un festival che ha sempre guardato al mondo, ma che ha il cuore nella sua città e in tutti coloro che ogni giorno la vivono e l’attraversano. Una città in eterna transizione, bellissima ed esasperante, affascinante e complicata. Roma costruisce con i suoi cittadini un rapporto di emozioni contrastanti, di amore e odio. Ed è questo il tema attorno al quale si costruisce questa 25esima edizione: “Io t’ho amato sempre, non t’ho amato mai”.
Oltre ai numerosi concerti, le rive del laghetto poi ospitano come ogni anno un programma culturale variegato e multidisciplinare, accessibile a tutti e in una convinta logica no profit. Per questo si ripete l’esperienza vincente del D’ADA Park, l’area del Festival ad accesso gratuito che ospiterà concerti al tramonto di band della scena locale, serate clubbing, incontri, presentazioni di libri e talk, esposizioni artistiche, stand gastronomici e tanto altro.
PER ULTERIORI INFO: https://www.villaada.org/

 

Tornano gli Internazionali di tennis 2018, a maggio al foro italico

Presentati al Foro Italico gli Internazionali BNL d’Italia di tennis, in programma dal 7 al 20 maggio, dal presidente della Fit Angelo Binaghi, dal presidente del Coni Giovanni Malagò e dalla sindaca Virginia Raggi con l’assessore allo Sport Daniele Frongia. La novità dell’edizione 2018, resa possibile dalla partnership Coni – Federazione – Roma Capitale: per la prima volta le partite di pre-qualificazione prenderanno il via a piazza del Popolo, con incontri dalle 11 del mattino a tarda sera. Una vetrina inedita e di forte attrazione per il pubblico e i turisti, frutto – ha sottolineato la sindaca Raggi – di una “proficua collaborazione” tra Campidoglio ed enti sportivi.
Gli Internazionali romani sono ormai un appuntamento tra i più prestigiosi del palinsesto tennistico internazionale. Si comincia con le pre-qualificazioni sabato 5 maggio, si prosegue sabato 12 e domenica 13 con le qualificazioni e otto incontri del tabellone maschile. Domenica 20 maggio le finali. Del gotha mondiale mancheranno solo, come preannunciato, Roger Federer e Andy Murray. Ma ci saranno Nadal, Djokovic, Del Potro, Wawrinka, Raonic, il campione in carica Alexander Zverev. E tra le donne Serena Williams (che torna dopo un anno di assenza), Angelique Kerber, Johanna Konta, Elise Mertens, Elina Svitolina. Tra gli azzurri Fabio Fognini, Andreas Seppi, Paolo Lorenzi, Roberta Vinci, Sara Errani.
Nella grande kermesse tennistica di maggio – ha detto la sindaca Raggi – il Campidoglio punta “a far sì che l’evento non sia concentrato solo al centro ma sia partecipato e diffuso, anche nelle periferie”. Raggi ha ricordato che nel 2017, grazie al lavoro di Fit e Coni, è stato aperto un campo temporaneo, molto apprezzato dai cittadini, e adesso si lavora per renderlo permanente; mentre intanto un’analoga iniziativa è in preparazione nel III Municipio.
“Altro tema importante”, ha soggiunto la Sindaca, “è il coinvolgimento degli alunni delle scuole di Roma, che avranno giornate a loro dedicate e potranno assistere all’evento sportivo”. Così come “studenti e insegnanti saranno accolti nello Young Village, area espressamente rivolta ai più giovani”. E Roma Capitale si sta adoperando per consentire “l’accesso gratuito ai musei civici e alle aree archeologiche” a partecipanti e accompagnatori. Insomma “l’intera città che, con una serie di iniziative parallele, partecipa a 360 gradi” e si fa accogliente, stimolando così “a seguire l’evento” e contribuendo “a darne un’immagine ancor più positiva”.
La Sindaca ha poi concluso preannunciando un concorso d’idee per la copertura del Centrale, sempre in collaborazione con Coni e Federtennis. “Un’ulteriore opportunità” che consentirà di giocare sullo storico campo romano non solo nella bella stagione ma tutto l’anno.
Tutto sul torneo 2018 nel sito degli Internazionali Bnl d’Italia.

Prati, Parioli e Flaminio: arrivano 42 nuovi semafori 'intelligenti' in vie e incroci nevralgici

Installati 42 nuovi semafori “intelligenti” agli incroci dei quartieri Prati, Parioli e Flaminio per ottimizzare la durata del “rosso” e del “verde” in funzione dei flussi di traffico. Impianti dotati di una tecnologia in grado di rilevare il numero dei mezzi in transito e regolare di conseguenza la circolazione, che permetteranno un maggior deflusso delle auto e di riconoscere anche il passaggio dei tram.
“Per migliorare la viabilità di alcune vie nevralgiche, ed evitare ingorghi nelle ore più difficili, questi semafori danno il via libera o lo stop a seconda delle automobili in circolazione. Gli impianti riconoscono anche il passaggio dei tram, come su via Flaminia, dando quindi priorità al trasporto pubblico. Ottimizzare la viabilità vuol dire ridurre la congestione del traffico e l'inquinamento”, dichiara la sindaca di Roma, Virginia Raggi.
“Abbiamo stanziato i fondi per questi nuovi impianti semaforici con l’assestamento di Bilancio di fine luglio. Attraverso speciali ‘occhi elettronici’ inseriti sotto il manto stradale il sistema, gestito dalla centrale di Roma Servizi per la Mobilità, è in grado di contare i veicoli in transito e regolare di conseguenza la circolazione di incroci nevralgici come quello tra piazzale delle Belle Arti e ponte Risorgimento, tra viale Parioli e via della Moschea e quello in piazza di Porta Castello”, spiega l’assessora alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo.
Questi alcuni incroci che fanno parte dell'elenco dei 42 nuovi impianti centralizzati: piazzale Parco della Rimembranza-Viale Pilsudski; Viale Parioli-via Boccioni; Lungotevere Flaminio-ponte Duca d'Aosta; Lungotevere Flaminio-Largo Antonio Sarti; ponte Duca d'Aosta-piazza de Bosis; viale delle Belle Arti-viale Bruno Buozzi; piazzale Manila-via Flaminia-via Fracassini; viale Tiziano-piazzale Ankara; via Cola di Rienzo-via Virgilio; via Cola di Rienzo-piazza della Libertà.