News da Roma

Municipio XIV°

MEDAGLIE D'ORO - PRIMAVALLE - OTTAVIA -TRIONFALE - PINETO 

XIV Municipio, modifiche per alcune linee autobus a Monte Mario, Monte del Marmo e Selva Candida

Dal 18 maggio al 10 giugno a Monte Mario, per lavori di manutenzione stradale in via Eugenio Mattei, via Franco Basaglia e via Sebastiano Vinci, saranno possibili rallentamenti per le linee di bus.
A Monte del Marmo, lavori urgenti a via del Podere di San Giusto e cambio di percorso per la linea 908 (già deviata per lavori a via Vignale).
In zona Selva Candida da giovedì, 12 maggio, le fermate numero 75605 e 75631, entrambe denominate "Taleggio-Garlasco", delle linee 904 e n20, saranno spostate rispettivamente 20 metri prima e 50 metri dopo l'incrocio con via della Riserva Grande, in corrispondenza delle pedane di fermata appositamente realizzate.

(NOTIZIA RIPRESA DA SETTIMANALE ZONA)

Casal del Marmo, “pronto il progetto per realizzare spazi pubblici”

“Dopo oltre dieci anni dall’approvazione del piano particolareggiato del nucleo ex abusivo di Palmarola (zona “O” n.10) l’amministrazione del Municipio XIV è riuscita a finanziare e a far redigere lo studio di fattibilità sull’area destinata a servizi situata nell’area verde a ridosso della via Casal del Marmo”. A riferirlo è l’assessore locale ai Lavori pubblici, Alessio Cecera.
Partecipazione. Sull’argomento interviene anche Stefania Portaro, presidente commissione Urbanistica e Ambiente: “Questo lavoro parte da un percorso di partecipazione che ha visto protagonisti i cittadini del quartiere e i comitati, che abbiamo coinvolto nei lavori della conferenza urbanistica municipale, dalla quale sono emerse le indicazioni puntuali dei servizi mancanti e richiesti dal territorio. Solo dopo questa fase abbiamo impegnato dei fondi per far redigere il progetto di fattibilità che costituisce la prima pietra su cui realizzare quanto serve a Palmarola.
Lavori. “Si è sempre parlato dell’utilizzo dell’area a ridosso della Casal del Marmo dove sarebbero dovuti sorgere servizi per i cittadini, i famosi standard urbanistici di cui Palmarola è completamente sprovvista, ma nessuno aveva sino a oggi fatto un progetto puntuale per localizzare e quantificare gli interventi più importanti – si legge in una nota – tra i quali il raddoppio della Casal del Marmo con una pista ciclopedonale per collegare i pedoni con le strade interpoderali interne verso Torresina e il San Filippo Neri , un’ area attrezzata per il mercato rionale, una piazza pedonale di fronte largo Bedeschi, una biblioteca, un’area per attrezzature sportive, un parco giochi pubblico e un’area parcheggi dignitosa di fronte ai plessi scolastici dell’Istituto comprensivo Pablo Neruda”.
Orgogliosi. “ Siamo orgogliosi di aver completato un lavoro che ci ha visto impegnati sin dal primo giorno del nostro insediamento nel 2013 – terminano – il nostro obiettivo è ora quello di presentare questo progetto al bando per le Periferie indetto dal Governo Renzi per reperire i finanziamenti necessari”.
(NOTIZIA RIPRESA DA ROMAPOST)

San Filippo Neri, a Roma effettuato un intervento al cuore con un sistema rivoluzionario

Per la prima volta nel Lazio e per la terza in Italia è stato utilizzato un nuovo sistema percutaneo per il trattamento dell’insufficienza valvolare mitralica. Il sistema, chiamato "Carillon", s’inserisce percutaneamente nel paziente senza bisogno d’intervento chirurgico e neanche di anestesia generale, è stato utilizzato per la prima volta a Roma dal Prof. Giulio Speciale Responsabile dell’Unità Operativa di Emodinamica dell’Ospedale San Filippo Neri - ASL Rm1.

Consiste in una struttura semicircolare e flessibile, che è introdotta attraverso la puntura di una vena del collo, senza bisogno di addormentare il paziente, e viene posizionata in una grossa vena del cuore (seno coronarico) andando a “abbracciare“ la valvola mitrale e restringendola progressivamente. Viene così ad essere eliminata l’insufficienza della valvola stessa che molto spesso è dovuta solo alla eccessiva dilatazione del suo anello esterno.
Il paziente trattato, un uomo calabrese di 88 anni, con una grave malattia valvolare cardiaca ,sottoposto anni prima ad una angioplastica coronarica , con pregressi ricoveri per episodi di scompenso cardiaco secondari alla sua malattia valvolare. Tale paziente non avrebbe sopportato un intervento cardiochirurgico secondo tecnica convenzionale a causa dell’età e delle gravi condizioni cardiache generali.

L’intervento d’inserzione del Sistema Carillon è stato portato a termine senza complicanze e dopo poco più di un’ora di procedura il paziente è potuto ritornare nella sua stanza con la famiglia. Prima di questa volta, la particolare protesi cardiaca era stata impiantata solo in altri due pazienti al Nord Italia e presso la Università di Catania . La metodica è innovativa e di estrema utilità nei pazienti che non possono essere sottoposti a intervento tradizionale per il rischio chirurgico elevato; E’ stata realizzata presso le Sale di Emodinamica del Prof. Giulio Speciale con l’ausilio di un’equipe specializzata e grazie a sofisticate tecnologie in dotazione all’Ospedale Romano . Rispetto ad altre tecniche percutanee per la terapia della valvola mitrale, questa metodica si differenzia per la ridotta traumaticita' della procedura, non essendo alterata la struttura della valvola mitrale stessa, potendo quindi permettere comunque altri interventi al cuore se dovessero essere necessari.

Il reparto di Emodinamica dell’Ospedale San Filippo Neri rappresenta una delle realtà più dinamiche nel Lazio con circa 700 angioplastiche coronariche realizzate ogni anno e procedure innovative come l’impianto di protesi valvolari aortiche percutanee.
(NOTIZIA RIPRESA DAL MESSAGGERO)